1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
testata per la stampa della pagina

Contenuti della pagina

RINNOVO CONTRATTI PUBBLICI: è ripartito il confronto. Risorse e contrattazione i temi centrali

 

Lunedý 28 agosto sono ripresi gli incontri con Aran per proseguire il confronto che dovrÓ portare in tempi brevi al rinnovo dei contratti pubblici.
Tema centrale Ŕ stato quello delle risorse. Anche alla luce delle indiscrezioni dei giorni scorsi emerse sulla stampa, per la CGIL occorre fare chiarezza ed Ŕ per questo che ha ribadito e richiamato al  rispetto in maniera rigorosa dell'accordo del 30 novembre 2016 nel quale si Ŕ previsto un incremento per tutte le lavoratrici e per tutti i lavoratori pubblici non inferiore a 85 euro medi.

 

E' un obiettivo, questo che non pu˛ essere intaccato - per la CGIL - dalla questione degli 80 euro e che non pu˛ essere risolto pensando ad altre vie come, ad esempio, quella del welfare contrattuale che rappresenta un capitolo a parte.
La disponibilitÓ delle risorse necessarie deve trovare certezza nella prossima legge di Bilancio dello Stato nella quale dovranno essere previste risorse aggiuntive a quelle giÓ stanziate che sono insufficienti.
Rispetto e piena attuazione dell'accordo del 30 novembre 2016 per la CGIL significa, dopo anni di blocco e con gli effetti che questo ha prodotto sui servizi, riposizionare il baricentro a favore della contrattazione nel rapporto tra legge e contratto. "Per favorire i necessari processi di riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, occorre che questi vengano gestiti con le lavoratrici e i lavoratori e non contro di essi, attraverso un pieno esercizio della contrattazione nei luoghi di lavoro".
Sono giÓ previste le convocazioni dei tavoli di comparto. Il 31 Agosto si riunisce il tavolo delle "funzioni centrali" e nella prima settimana di settembre saranno convocati i tavoli di sanitÓ, istruzione e ricerca, funzioni locali.
Il ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia, in pi¨ di un'occasione, ha detto che confida si possa chiudere il nuovo contratto entro l'anno. Per farlo occorre entrare nel merito.

 

vedi anche l'articolo di Rassegna Sindacale